Pubblicato da: aretuseo | 25/04/2009

Lettera al figlio

lettera-al-figlio2lettera-al-figlio

Pubblicato da: aretuseo | 17/04/2009

Manifestazione CGIL 4/4/09

Pubblicato da: aretuseo | 13/04/2009

Ibiscus

ibiscusrosso

Pubblicato da: aretuseo | 02/04/2009

Chi sei tu…

Chi sei tu….
che in punta di piedi
hai sconvolto il mio cuore
che hai fatto nascere in me
un desiderio di te
profondo
sconvolto i miei sensi
regalato un ardore
di adolescente
fatto sognare
notti incandescenti
chi sei tu veramente
che bussi al mio cuore
al quale regali felicità
immensa
chi sei tu alla quale
darei tutto
il mio essere
per un attimo d’amore
chi sei tu..

Carmelo

 

Pubblicato da: aretuseo | 02/04/2009

Quello che sei

Quello che sei
mi distrae da quello che dici.
Lanci parole veloci,
pavesate di risa,
invitandomi
ad andare dove mi porteranno.

Non ti presto attenzione, non le seguo:
sto guardando
le labbra da cui sono nate.

Intanto guardi lontano.
Fissi lo sguardo laggiù,
non so in cosa, e già si precipita
a cercarlo la tua anima
affilata, come saetta.

Io non guardo dove guardi:
io ti vedo guardare.

E quando desideri qualcosa
non penso a quello che vuoi
né lo invidio: è il meno.

Ciò che ami oggi, lo desideri;
domani lo dimenticherai per un nuovo amore.
No.
Ti aspetto oltre qualsiasi fine o termine
in ciò che non deve succedere.

Io resto nel puro atto del tuo desiderio,
amandoti.
E non voglio altro
che vederti amare.

Pedro Salinas

p.s. questa poesia, che mi ha mandato l’amica Chiara,non la conoscevo ed ho il piacere di condividerla con tutti.

 

Pubblicato da: aretuseo | 23/03/2009

IV° Stato

Pubblicato da: aretuseo | 22/03/2009

Ognina di Siracusa

Pubblicato da: aretuseo | 21/03/2009

Veliero

Veliero

 

Ieri ero al porto

Parlavo con un amico

Ad un tratto ho visto

Un tre alberi nero

Che manovrava

Per ormeggiare in darsena

Un veliero maestoso

Con un bel nome

Signora del vento

L’ho immaginato

In alto mare

Con le vele bianche

Spiegate al vento

Chissà quanti porti

E quali isole

Lo hanno visto approdare

E in quanta gente

Avrà suscitato

Le mie stesse emozioni

Carmelo

 

 Veliero

Pubblicato da: aretuseo | 20/03/2009

Se tu sapessi

Se tu sapessi

Se tu sapessi che quel
grande singhiozzo che stringi
tra le tue braccia, che quella
lacrima che tu asciughi
baciandola,
vengono da te, sono te,
dolore di te mutato in lacrime
mie, singhiozzi miei!
Allora
non chiederesti più
al passato, ai cieli,
alla fronte, alle lettere,
che cosa ho, perché soffro.
E tutta silenziosa,
con quel denso silenzio,
della luce e del sapere,
mi baceresti ancora,
e desolatamente.
Con la desolazione
di chi al fianco non ha
altro essere, un dolore
estraneo; di chi è solo
ormai con la sua pena.
Volendo consolare
in un altro chimerico
il gran dolore ch’è suo.

Pedro Salinas

Pubblicato da: aretuseo | 20/03/2009

Io di più non posso darti

Io di più non posso darti.

Non sono che quello che sono.

Ah,come vorrei essere

Sabbia,sole in estate!

Che tu ti distendessi

Riposata a riposare.

Che andando via tu mi lasciassi

Il tuo corpo,impronta tenera,

tiepida, indimenticabile.

E che con te se ne andasse

sopra di te ,il mio bacio lento:

colore

dalla nuca al tallone,

bruno.

Ah ,come vorrei essere

Vetro,tessuto,legno

Che conserva il suo colore

Qui,il suo profumo qui,

Ed è nato tremola chilometri lontano!

Essere

La materia che ti piace,

che tocchi tutti i giorni,

che vedi ormai senza guardare

intorno a te,le cose

collana,profumi,seta antica

di cui se senti la mancanza

domandi:<Ah,ma dov’è?>

Ah,e come vorrei essere

un’allegria fra tutte,

una sola,

l’allegria della tua allegria!

Un amore,un solo amore:

l’amore di cui tu ti innamorassi.

Ma

Non sono che quello che sono

Pedro Salinas

Older Posts »

Categorie